Monte Misma: la vista dalla cima

Il Monte Misma (Ol Misma in bergamasco) è una montagna delle Alpi alta 1.160 m. È situato in provincia di Bergamo, a cavallo tra la Valle Seriana e Val Cavallina. È una delle prime asperità delle Prealpi Bergamasche ed è visibile da gran parte della pianura centrale lombarda. La cima è punto di confine tra i comuni di Albino, Pradalunga e Cenate Sopra, mentre le pendici si estendono anche sui comuni di Scanzorosciate, Trescore e Luzzana. Specialmente nel XIX secolo è stato famoso, per le attività estrattive di pietre coti e cemento (principalmente nei comuni di Pradalunga ed Albino), attività che hanno contribuito allo sviluppo del territorio, ma anche al deturpamento della montagna stessa, perpetrando ferite tuttora ben visibili. Le pietre coti, utilizzate per affilare lame, armi ed arnesi, vennero impiegate fin dai tempi degli antichi Romani, tant’è che di esse si trovano citazioni nelle parole di Plinio il Vecchio (23-79 d.C.).

Tutt’oggi è possibile ritrovare, nella località detta valle dei prigionieri a monte del santuario della Forcella, enormi ammassi di Roère, ovvero gli scarti delle lavorazioni di tali pietre, opera cominciata appunto dai prigionieri di 2000 anni fa, e terminata nel secolo scorso quando le pietre coti caddero in disuso, e con esse anche la loro lavorazione. Altri segni della presenza dell’uomo, molto meno invasivi dei sopraccitati, sono le cascine rurali (tra cui merita menzione la cascina Spersiglio situata a Cornale) ed i santuari, tra cui la chiesa di Santa Maria del Misma (alt. 830 s.l.m. in comune di Cenate Sopra) che, risalente ad un periodo compreso tra il XI ed il XII secolo, può essere considerata una delle chiese più antiche della diocesi. È doveroso citare anche il Santuario della Forcella (alt. 627 s.l.m. in comune di Pradalunga), costruito nel XVII secolo a seguito della peste di manzoniana memoria. Entrambi i santuari sono meta di pellegrinaggi delle popolazioni attorno.

Il territorio comprende un ricco ecosistema in cui sono presenti castagni e funghi, ma anche di animali quali volpi rosse, faine, tassi, ghiri, ricci, moscardini e cinghiali, animali che sono stati protagonisti negli ultimi anni di un consistente aumento, anche grazie al fatto che dal 1983 è presente una riserva gestita dal WWF, denominata Riserva Regionale Valpredina, per il mantenimento ed il ripopolamento faunistico.
Inoltre una maggiore sensibilità ambientale da parte di alcuni enti della zona ha portato ad un riqualificazione di numerosi sentieri, con itinerari didattici quali il sentiero del castagno (in località Casale di Albino), il sentiero delle pietre coti (in comune di Pradalunga), il sentiero verde che attraversa la Riserva naturale Oasi WWF di Valpredina e prosegue fino a Sant’Ambrogio in comune Cenate Sopra, ed itinerari religiosi tra cui, oltre alle sopraccitate chiese, merita menzione il sentiero dei luoghi in cui visse la Beata Pierina Morosini (in località Fiobbio di Albino) che hanno permesso a questi luoghi di ritornare ad essere meta di escursioni sia a piedi che in mountain bike.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: